Raccolta poesie Federico Genco

Tremore di una notte

L’immenso fiume mi scorre davanti, trascinando
Bastimenti fatiscenti , logori mobili e delusioni passate:
una caotica brodaglia.

Osservo inerte lo scorrere incessante, selvaggio, del torrente melmoso
e della sua inarrestabile corsa che trascina impietosa sadiche folli figure.
I naufraghi implorano soccorso,
muovono
e scuotono le braccia come condannati a morte.

Da qui su il fiume non temo.
Il chiarore spolverato dalla luna
si abbandona sulle vaghe colline, mentre il cielo incerto
racconta storie a noi estranee.

Ma d’un tratto un torbido pensiero mi riscuote:
‘dovrei forse buttarmi nel lungo fiume della vita e lasciarmi
trascinare dallo scorrere incauto delle cose? Non posso
sostare per sempre nel buio della notte’.

Vado

1

Read More

Annunci

Paesaggio

Di Luca De Marchi

La spiaggia sui piedi nudi

di salsedine è il pensiero

sulla sabbia su cui

posano

con moto irruente

i giovani in camporella. Read More

Ora che siamo soli

Di Luca De Marchi

 

Ora che siamo soli
scopro le ali per lo slancio
e quando muterà il tempo cingerà di nuovo
nel fiume di parole, l’indistinto che mi riflette.
Striderà, coperto dalla pioggia.

Colui che volerà sotto al mio intricato vento,
lo loderò nel caliginoso limbo,
dell’irrompente tormenta,
mesta, eterna, brutale,
custodita dal velo del mondo.

Che in complessità mi somiglia.

Tutti i diritti riservati. All rights reserved.